Benvenuti nella sezione dello Shoujo Manga Outline dedicata a "Futago no Kishi" di Tezuka Osamu. 
A cura di Il*Barone (testi) ed Emy (grafica e htm). Vi ricordiamo che prima di riprodurre immagini, testi o html presenti in questo sito e' necessario chiedere il permesso. E' inoltre vietato linkare direttamente le immagini su forum o altro.

 Info
Cover OriginaleCover Francese  

Titolo: Futago no Kishi 双子の騎士
Tradotto: I cavalieri gemelli
Autore: Tezuka Osamu 手塚治虫

:: Il manga in Giappone ::
Numero di volumi: 1 -concluso
Casa editrice: Kodansha
Rivista di serializzazione: Nakayoshi
Anno di pubblicazione: 1958

:: Il manga in Francia ::
Titolo edizione francese: Les Enfants de Saphir
Collana: Le meilleur d’Osamu Tezuka
Numero di volumi: 1 -concluso
Casa editrice: Soleil Manga
Anno di pubblicazione: 2006
Senso di lettura: orientale
ISBN: 2-84946-393-0.

 Storia
Sposata al Principe Franz, Saphir dà alla luce due gemelli, Daisy e Violetta. Una perfida Duchessa e suo marito, però, rapiscono il principino il giorno del suo primo compleanno e lo abbandonano in una foresta.
Per non perdere il trono e tranquillizzare il popolo, Violetta è costretta a giocare la stessa parte toccata anni prima alla madre: camuffarsi da maschio, da suo fratello, quando le circostanze lo richiedano. Daisy, nel frattempo, è stato salvato da una cerbiatta di nome Papi, che chiede alla Fata della Foresta di trasformarla in una ragazza per poter accudire il trovatello. La Fata acconsente ma Papi potrà diventare una ragazza soltanto al calar del sole, mentre per il resto della giornata rimarrà un animale.
Il tempo passa e al castello Violetta, che continua a vivere una doppia vita, riceve la visita del sinistro Principe Nero e del dolce Principe Bianco del Castello delle Rose. Il Principe Bianco, divenuto amico di quello che crede essere Daisy, viene ferito durante una battuta di caccia e chiede di poter incontrare la Principessa Violetta. In questa occasione il Principe Nero, messo in guardia dalla perfida Duchessa, scopre la vera identità della ragazza.
Intanto la sfortuna vuole che Papi venga ferita mortalmente dallo stesso Daisy e prima di morire riesce a confessargli la verità appresa da poco: lui è il principe del reame. Al castello, la famiglia reale “smascherata” viene confinata nella Torre del Nord, dove la Duchessa decide persino di avvelenare il cibo per sbarazzarsene.
Violetta, venuta a sapere che il fratello è ancora vivo, riesce a scappare e si mette alla sua ricerca. Sempre fingendosi un maschio, la ragazza si unisce a un gruppo di gitani e stringe amicizia con Emeraude, la loro regina. Mentre la principessa cerca il fratello, questi arriva a castello dove, riconoscendolo, la duchessa e il marito lo fanno dapprima arrestare, salvo poi ripensarci: considerandolo utile ai loro piani di potere lo fanno passare per… il principe Daisy!
Violetta incontra di nuovo il Principe Bianco che ha scoperto la doppia identità della ragazza e le regala una rosa d’oro. Scappate dalle grinfie del Principe Nero, Violetta ed Emeraude si rifugiano in un pozzo, ma il perfido ragazzo apre l’acqua che scaraventa le due poverette fin nella Foresta delle Illusioni creata dalla Fata Begonia.
Grazie alla rosa d’oro trasformata in una spada, Violetta riesce a sconfiggerla e ad annullare la temibile Foresta. Raggiunte dal Principe Nero, la principessa viene ferita gravemente ma Emeraude la salva con l’aiuto di Mercedes, la maga dei gitani. Le due ragazze riescono ad arrivare al castello dove i gemelli possono finalmente riabbracciarsi e insieme uniscono le forze per sconfiggere prima il Principe Nero (trasformato in un mostro) con l’aiuto della rosa d’oro e poi il duca e la duchessa.
Daisy viene incoronato re concludendo la fiaba con il classico “ e vissero felici e contenti”.

 

 Considerazioni

Un vero gioiello da non perdere. Non trovo altre parole per definire questo ennesimo capolavoro del grande Maestro Tezuka.
Forse sconosciuto ai più, Les enfants de Saphir è il seguito della ben più nota "Principessa Zaffiro" nell’edizione del 1953. Inedito nel nostro Paese, è stato invece pubblicato in Francia dalla Soleil Manga, la stessa che ha dato alle stampe la serie “madre”, in una bella edizione non ribaltata, con sovraccoperta morbida e, alla fine della storia, una postfazione dell’Autore. Un solo volumetto per una storia appassionante, piena di colpi di scena, tra la fiaba e l’avventura di cappa e spada, tra nobili e gitani, folletti e streghe, principi, combattimenti e scambi di persona. Il tutto magistralmente orchestrato dal nostro Sommo Tezuka, con il suo inconfondibile stile, preciso e curato. La storia ha un’impostazione teatrale, quasi da operetta, con il prologo cantato su una scalinata, i tendaggi come fossero un sipario da dove far entrare i personaggi e persino una botola che serve a portare in scena qualcuno quando meno te lo aspetti.
Il manga diventa una messa in scena, un vero e proprio “gioco” dove l’Autore si diverte con i personaggi/attori, strizzando l’occhio al lettore come per dirgli: guarda adesso che succede. L’altro aspetto dominante, che ritroviamo in tutti i manga dell’Autore destinati ai più piccoli, è quello della fiaba. Tezuka amava molto lo stile di Walt Disney e a lui si rifà utilizzando un tratto simile alle Silly Symphonies, con disegni tondeggianti e personaggi simili a morbide gomme. Non solo: è palese l’omaggio alle fiabe disneyane nella realizzazione degli scenari come la foresta che ricorda quella di Biancaneve o gli animaletti del bosco, dal cerbiatto ai coniglietti identici a quelli di Bambi, fino a mostrare persino due dei Sette Nani vicino a un albero.
Il personaggio di Violetta, con le sue peripezie e i continui cambi d’abito maschili e femminili, che fanno di lei quasi un’eroina del Takarazuka, è il vero fulcro dell’intera vicenda. In lei ritroviamo lo spirito battagliero ma anche la malinconia della madre quando era costretta a mascherare la sua femminilità. Ora che è diventata regina, Zaffiro ha riposto la spada per assumere completamente il ruolo che sognava: quello di donna, moglie e madre affettuosa e lo stesso accadrà alla protagonista di questa storia quando avrà portato a termine il suo compito.
Due curiosità. Il Principe Bianco e quello Nero, assenti nel manga de La Principessa Zaffiro, sono invece protagonisti di un episodio della serie animata del 1967. Anche il gruppo dei gitani con la maga che legge il futuro compariranno in un altro episodio, anche se in un contesto completamente differente.
Un piccolo capolavoro davvero imperdibile e più che consigliato. Per chi vuole immergersi in una bella fiaba o in un romanzo di avventure, per scoprire che i manga realizzati cinquanta anni fa hanno a volte più potenzialità di quelli moderni, perché il nome del Sommo Tezuka è sempre sinonimo di un lavoro di successo, dalla struttura robusta e lineare che coinvolge dalla prima all’ultima pagina.

 

 Gallery

 

         

 

This page is part of Shoujo Manga Outline |  Online since 21/06/2008, last up 29/12/2011 |  Disclaimers |  FAQ