Benvenuti nella sezione dello Shoujo Manga Outline dedicata a "Aozora Yell" di Kazune Kawahara.
A cura di Giorgia-bi (testi) ed Emy (grafica e html). Vi ricordiamo che prima di riprodurre immagini, testi o html presenti in questo sito e' necessario chiedere il permesso. E' inoltre vietato linkare direttamente le immagini su forum o altro.

 Info
Titolo: Aozora Yell 青空エール
Disegni: KAWAHARA Kazune
河原和音
Cover Originale  

:: Il manga in Giappone ::
Numero di volumi: 12 -in corso
Casa editrice:
Shueisha
Rivista di serializzazione: Betsuma
Anno di pubblicazione: 2008

:: Curiosità :: 
Il torneo Kōshien è la fase finale del campionato di baseball che vede affrontarsi le squadre dei licei giapponesi. La competizione prende il nome dallo stadio che la ospita, lo Hanshin Kōshien, situato a Nishinomiya, nella Prefettura di Hyōgo.
La capacità dello stadio è di 47.808 persone, ed è la sede della squadra professionale di NPD Hanshin Tigers. Il torneo Kōshien è un evento atteso e molto seguito dal pubblico giapponese, viene trasmesso in televisione ed è stato più volte citato da Mitsuru Adachi nei suoi titoli ambientati nel mondo dello sport, da "Prendi il mondo e vai" a "Cross Game".

 Storia

UmiTsubasa Ono e Daisuke Yamada si sono iscritti all'istituto superiore Shirato per inseguire un sogno. Durante una pausa del primo giorno di scuola, i due si ritrovano entrambi in muta ammirazione davanti alle coppe conseguite durante gli anni dai prestigiosi club dell'istituto: il team di baseball e il famoso gruppo musicale.
Colta da un accesso di spontaneità, Tsubasa confessa allo sconosciuto di desiderare fin da piccola di imparare a suonare la tromba per esibirsi con l'orchestra della Shirato durante il torneo Kōshien. Dal canto suo, Daisuke ammette di puntare al Kōshien almeno quanto Tsubasa, ma in veste di giocatore.
Tra i due si instaura così una complicità fatta di entusiasmo e reciproco sostegno, che li vedrà di volta in volta esaltarsi a vicenda o aiutarsi nei momenti di sconforto. Se per il solare Daisuke la vera sfida consiste nel migliorare il suo già ottimo gioco, per Tsubasa la strada verso il Kōshien è lastricata di ostacoli: la ragazza infatti è una completa dilettante, priva di fiato e di qualsiasi reale talento.
Per i due sognatori sono quindi in arrivo allenamenti estenuanti, momenti di sconforto e dure prove di volontà; eppure, ne sono sicuri, un giorno non lontano Daisuke giocherà nel torneo Kōshien mentre Tsubasa farà squillare la sua tromba per entrambi.
 

 Considerazioni

Umi e Shun"Metticela tutta!": bastano queste due parole per sintetizzare i temi, l'atmosfera e il senso di questa serie. Quella descritta tra le pagine di "Aozora Yell" è una commedia scolastica che unisce sport, musica e sentimento, ma l'aspetto caratterizzante del titolo è l'insistenza con cui i personaggi lavorano sulla propria determinazione. Tsubasa, Daisuke e i loro amici sgobbano, sudano, si sfiniscono e ogni tanto si scoraggiano; ma è sufficiente una parola di conforto perché si rialzino e riprendano a combattere per il proprio obiettivo. Impossibile non cogliere tra le righe il Giappone orientato all'auto-incitamento, alla lotta per emergere in un sistema istruttivo in cui essere 'discreti' non basta, in cui 'non ci riesco' va rapidamente corretto con 'non ci ho provato con tutto il mio impegno'. Ecco allora che sin dai primi capitoli gli sportivi perserverano sul campo fino a tarda sera, i musicisti abbinano esercizi continui a corse e sessioni di addominali; gli allenamenti non raggiungono i livelli di sadismo degli spokon anni '70, ma al lettore risulta difficile non sentirsi in colpa per quell'abbonamento in palestra mai sfruttato o per quel corso di chitarra abbandonato a metà. Pur essendo dotati di grande maturità nel perseguire le proprie aspirazioni, i protagonisti di "Aozora Yell" faticano a dare un nome ai sentimenti e a sviscerarli; di conseguenza la relazione tra Daisuke e Tsubasa è destinata a svilupparsi molto lentamente, svolgendo piuttosto una funzione di 'molla' ai rispettivi sogni. Il lettore (soprattutto quello occidentale) potrebbe in definitiva trovare poco convincente una serie di lungo corso in cui - per la maggior parte del tempo - i protagonisti svolgono attività di club bruciando d'entusiasmo. In effetti la delicatezza e la dolcezza che caratterizzano i dialoghi e i primi piani della serie non bastano a mettere in secondo piano quel "Metticela tutta!" che pervade l'opera. Pur trovandoci di fronte a un titolo gradevole e curato, si ha in definitiva la sensazione che la Kawahara abbia lavorato duro per conferire corpo e credibilità a ben due sottotrame - quella sportiva e quella musicale - perdendo il controllo sulla freschezza e sulla spontaneità del risultato finale.

 

 Gallery

 

               

 

This page is part of Shoujo Manga Outline |  Online since 16/06/2013 |  Disclaimers |  FAQ