Benvenuti nella sezione dello Shoujo Manga Outline dedicata ad "Aisubeki Musumetachi" di Yoshinaga Fumi.  
A cura di Deda (review), Rey Arcady99 (gallery) ed Emy (grafica e html). Vi ricordiamo che prima di riprodurre immagini, testi o html presenti in questo sito e' necessario chiedere il permesso. E' inoltre vietato linkare direttamente le immagini su forum o altro.

 Info
Titolo: Aisubeki Musumetachi 全都因為愛
Autrice:
Yoshinaga Fumi よしながふみ
Cover Originale Cover francese

:: Il manga in Giappone ::
Numero di volumi: 
1 -concluso
Casa editrice: Hakusensha
Anno di pubblicazione: 2003
Rivista di serializzazione:
Melody

:: Il manga in Francia ::
Titolo:
All My Darling Daughters
Casa editrice: Casterman -Sakka
Anni di pubblicazione:
2006
Numero di volumi: 1
Prezzo: 9,95 euro
Distribuzione: Librerie e fumetterie.

:: Altri manga dell'autrice recensiti dallo SMO ::
Antique Bakery
 

 Storia

Capitolo I
Yukiko è cresciuta un po' all'ombra della sua bellissima madre Marie che, spesso, la vessa (anche se senza cattiveria alcuna) e dalla personalità un po' bizzarra. Yukiko, che al contrario è una persona molto rilassata, sopporta con pazienza perché, tutto sommato, è molto legata a sua madre e sa di essere amata incondizionatamente. L'equilibrio di questo allegro duo si spezza quando la mamma di Yukiko si ammala di tumore e, come conseguenza, decide di vivere la sua vita appieno, senza preoccuparsi troppo del domani: si sposa.
Di punto in bianco presenta un giovane marito: Ken Ohashi - ex host di professione e aspirante attore.
Per Yukiko non ci sono dubbi, questo Ken vuole fregare la sua mamma. Non solo ha tre anni meno di lei, ma è anche incredibilmente servile, sembra svampitissimo e molto superficiale e dalla sua ha soltanto un fascino incontestabile.
Ma perché un ragazzo tanto giovane che ha solo la bellezza si dice innamorato di una donna che ha superato i cinquant'anni?
Be', un po' alla volta Ken rivela cosa lo attira in Marie: come lui è appassionata di film di samurai, come carattere è molto più giovane di molte ragazze incontrate sino a quel momento pur essendo una persona matura.
Il suo ragionamento quindi è: è davvero difficile incontrare qualcuno che condivida in tutto e per tutto i tuoi stessi gusti. Inoltre quando l'ha incontrata per la prima volta all'host club presso il quale lavorava (dove Marie è stata trascinata con forza dalle amiche per festeggiare la sua pronta guarigione), la donna si è subito presentata come una persona molto particolare.
In risposta ai complimenti per la sua bellezza aveva ricevuto non il classico "Ma non sono più tanto giovane!" ma un nettissimo "Non sono affatto bella!", una reazione da adolescente con qualche complesso. Questa franchezza ha colpito tantissimo Ken che si ritiene fortunato di aver trovato una donna con simili qualità.
Alla fin fine Yukiko si vede sconfitta su tutti i fronti: è ovvio che la madre è felice, che Ken è la persona giusta per lei, che è un ragazzo con tante buone qualità e senza secondi fini.
Rosa dalla gelosia e a malincuore ma con grande coraggio Yukiko annuncia alla madre e al di lei marito che andrà a vivere altrove, con un suo innamorato, e che lascia quindi ai due campo libero.
Marie si è tagliata i capelli che Yukiko tanto ammirava e che riteneva una sorta di legame (avendo anche lei fatto crescere i capelli come la madre... per pigrizia!)... cambio di look che rende contento Ken ma non la ragazza che vede come la voglia di ricominciare sia più forte di qualunque cosa nella madre, rendendosi conto del fatto che la sua presenza in quella casa è zavorra emotiva.
A malincuore Yukiko prepara i suoi bagagli e confessa a Ken il suo dispiacere per aver perso l'affetto totale della madre: "lei è sempre stata là per me, solo per me".
"Lo so - risponde Ken - ma io mi sono innamorato di lei. La amo davvero."
E Yukiko risponde: "E' per questo che me ne vado."
Ken lascia il posto a Marie che con un ultimo abbraccio e senza dire una parola saluta e ringrazia la figlia con quel solo gesto. Del resto le due si sono sempre intese a meraviglia e continueranno a farlo per sempre.

Capitolo II
Nel secondo capitolo fa il suo ingresso un amico di Ken, protagonista della storia, che racconta delle sue disavventure da docente universitario con una studentessa... un po' intraprendente ai suoi amici: Marie, Yukiko, il suo compagno e Ken riuniti a tavola per cena.
A ogni pasto, durante il quale i cinque si ritrovano, il povero Izumi si trova a raccontare nel più profondo imbarazzo un nuovo episodio di aggressione sessuale da parte della sua studentessa.
Il poverino è disperato: non solo la ragazza non è il suo tipo ma sa che la cosa potrebbe costargli il lavoro. Tuttavia non riesce a trovare il modo per respingerla, vuoi perché teme un atto avventato da parte di lei, vuoi perché la situazione è troppo bizzarra per poter ragionare a mente lucida.
Lo strano rapporto tra docente e studentessa prosegue per diverso tempo. Dai racconti di Izumi è chiaro che la ragazza soffra di gravi complessi di inferiorità (per cui non vuole essere toccata, baciata, abbracciata o andare fino in fondo... vuole solo dare piacere al partner). Si ritiene immeritevole di amore, crede fermamente che l'unica qualità che si ritrovi siano i suoi due grandi seni e continua a blaterare concetti che palesano una sorta di masochismo e autocompiacimento.
Izumi, tuttavia, si rivolge sempre più spesso agli amici e confessa che, forse, la ragazza inizia anche a piacergli. E' allora che Marie suggerisce un modo per vedere se la relazione può passare al livello superiore. Izumi, il giorno seguente, blocca la ragazza sul nascere e, senza farsi mettere le mani addosso, le propone di andare a vedere un film la domenica successiva.
La sua proposta è talmente gentile... che viene scaricato.
Izumi era decisamente troppo cortese, troppo preoccupato dei sentimenti della giovane per accorgersi che la ragazza non cercava salvezza alcuna, voleva solo qualcuno da amare... qualcuno che la maltrattasse.

Capitolo III (prima parte)
Wakabayashi è una ragazza molto accomodante.
Talmente accomodante da sembrare perfetta. Non fa discriminazioni di sorta, non trova difetti in nessuno, ama tutti ed è disponibile fino all'inverosimile quando si tratta di aiutare gli altri.
Ma Wakabayashi, per quanto bella e perfetta, è ancora single. Aveva un fidanzato all'università seriamente intenzionato a sposarla ma la sua eccessiva gelosia (stando almeno a quanto ci dice la nostra cara Yukiko raccontandoci un po' del passato della sua cara amica) aveva rovinato tutto. Inoltre Wakabayashi non aveva avuto più il tempo materiale di cercare una storia d'amore avendo trascorso molti anni a prendersi cura del nonno malato.
La zia di lei quindi decide di organizzarle degli appuntamenti combinati (omiai) per presentarle dei probabili candidati. La ragazza si trova sempre a rifiutarli tutti, per un motivo o per un altro finché non le viene presentato un giovanotto, vittima di un incidente che l'ha lasciato claudicante e paralizzato al fianco destro, che mostra una sensibilità e una bellezza interiore impressionante. Proprio quello che tutti vorrebbero che la ragazza scartasse, perché storpio, perché presentato alla zia con l'inganno, perché tutti in famiglia sanno quanto possa essere accomodante la ragazza... desta invece il di lei interesse.

Capitolo IV (seconda parte)
Nella seconda parte del capitolo ci viene presentata un po' meglio la famiglia di Wakabayashi: la sorella divorziata è appena tornata ad abitare in casa dei genitori; la madre di lei fa pesare alla figlia divorziata il fatto che la sorella stia cercando marito in fretta e furia per lasciarle spazio in casa. Ma è soprattutto il nonno ad apparirci come vera e propria guida e fonte di certezze per la giovane. Il nonno che in punto di morte, dopo aver visto il muro di Berlino crollare, rinnega tutto quello in cui aveva creduto fermamente e che lo aveva persino fatto finire in galera. Un nonno marxista che le diceva sempre di non fare discriminazioni, di trattare tutti in maniera egualitaria, di non avere preferenze... e che alla fine della sua vita ammette che è lei la sua preferita, più dei suoi stessi figli lui la ama e la adora!
Raccontando di queste cose con l'uomo col quale esce, Wakabayashi ne ottiene una risposta meravigliosa: è grandioso riuscire a cambiare idea e mettersi in gioco così avanti negli anni. Ammettere le proprie colpe... meraviglioso!
La donna si trova a pensare che anche l'uomo è davvero meraviglioso, forse troppo e chiede quindi a Yukiko: si può amare qualcuno più di chiunque altro al mondo?
Le consegna anzitempo il regalo per le sue prossime nozze e ammette: io non posso farlo. In fondo l'amore è anch'esso una forma di discriminazione, io non riesco a non trattare tutti allo stesso modo.
Una sera Yukiko riceve la telefonata da un'altra amica che le chiede se ha ricevuto la lettera di Wakabayashi. Non riuscendo a fare discriminazioni, la nipote del marxista è diventata suora.
E Yukiko si trova a pensare che sicuramente, in quel momento, la donna avrà finalmente trovato quella serenità che sotto sotto le era sempre mancata nello sguardo.

Capitolo V
Questo capitolo vede come protagoniste tre ragazze con lo stesso sogno: la parità tra uomo e donna in casa e fuori. Una delle tre ragazze è ovviamente Yukiko che, dopo essersi sposata, si rammenta delle sue due più care amiche delle medie e decide di scrivere loro un messaggio per riallacciare i rapporti. Le amiche le tornano alla mente proprio per i discorsi che facevano su come l'uomo e la donna dovessero lavorare insieme in casa e fuori, dividersi i compiti e portare avanti la famiglia in due invece di far pesare il tutto sulle spalle della moglie.
La storia poi si sposta sulle due amiche di Yukiko che, alla fine delle medie, finiscono nella stessa scuola mentre Yukiko trasloca. Una delle due, quella più femminista, sogna di diventare scrittrice o addirittura editrice, l'altra è più timida e riservata ma crede fermamente che l'impiego statale possa darle la sicurezza di cui ha bisogno.
In realtà man mano che passa il tempo, proprio la più femminista finisce col commettere l'errore di voler cercare l'uomo che si curi di lei, si occupi di tutto e la lasci a casa a fare la casalinga mentre l'altra, non riuscendo a passare un test, finisce invece per diventare una donna in carriera casualmente in una casa editrice. Nonostante cerchi di spronare l'amica a far qualcosa della sua vita ("Non volevi scrivere? Ti posso aiutare io!"), ciò che riceve è sempre una risposta disfattista. Alla fine anche loro due si perdono di vista e finiscono con l'incontrarsi tanti anni dopo. L'ex femminista è ora una felice casalinga e nonostante la vita travagliata ha avuto infine la fortuna di trovare un bravo marito che la ama e la accudisce, l'altra porta avanti la sua carriera e pondera sul passato e sulle cose che dicevano e sognavano... infine rendendosi conto che, in tutti quegli anni, non si era mai effettivamente accorta di quello che accadeva all'altra (i problemi in famiglia che l'avevano costretta a fuggire di casa giovane e a rendersi indipendente e le difficoltà che questa scelta aveva portato, incluso un certo cinismo e la disillusione più totale).
Tornando a casa trova la lettere di Yukiko che le racconta in breve di come si sia appena sposata e di come le cose vadano avanti sebbene con difficoltà. Yukiko parla di come lei e il marito si dividano i compiti, nonostante tutto, e conferma quindi che le cose di cui parlavano da ragazze non erano sogni sciocchi, erano fattibili e per i quali bisogna continuamente lottare per le donne che verranno dopo di loro.
Una lettera che fa sciogliere in lacrime la donna in carriera, la quale consolandosi si trova a pensare: una di noi ci è riuscita!

Capitolo VI
L'ultimo capitolo si concentra sul rapporto contrastato tra Marie e sua madre e come Yukiko lo vede. Marie è stata cresciuta in un certo qual senso sempre criticata e sottomessa ("Sei brutta, hai i denti in avanti"...), sempre schiacciata dal peso di una madre severa che pareva preferirle il fratello minore. Questo l'ha fatta crescere con non pochi complessi riguardanti il suo aspetto fisico, nonostante Ken continui a ripeterle che è bella.
Yukiko pensa allora al rapporto vissuto come figlia di Marie che si sfogava certo con lei, spesso e volentieri, ma che l'ha sempre appoggiata e non le ha mai fatto pesare alcun difetto fisico né del carattere... persino quando Yukiko aveva preteso di mettere un kimono che le sarebbe stato inevitabilmente male viste le sue spalle quadrate (qualunque madre in quel momento se ne sarebbe forse venuta fuori con un bel "Te lo avevo detto!",ma Marie le aveva fatto i complimenti e le aveva detto di indossare il kimono con orgoglio).
Alla fin fine, incuriosita da questo strano atteggiamento della nonna, Yukiko decide di affrontare il discorso con l'anziana signora che, invece, ammette di amare molto sua figlia. Il motivo di tanta severità derivava dalla presenza di una ragazza vanesia a scuola con lei, distaccata e crudele. Una ragazza snob che amava guardare tutti dall'alto in basso con un sinistro "hi hi" sul volto.
Dopo essersi sposata e aver avuto Marie la nonna di Yukiko si era dimenticata di questa compagna, ma un giorno aveva cucito un bellissimo vestito rosa per la sua figlioletta che ai complimenti di una passante aveva risposto con un inchino, un ghigno e un "hi hi".
La cosa l'aveva fatta agghiacciare e, per non farla diventare vanesia e crudele come quella sua compagna, la nonna di Yukiko aveva iniziato a essere severa nei confronti della figlia.
Nonostante tutto, questo comportamento non era stato compreso da Marie, perché non le era mai stato spiegato e quindi al funerale della bisnonna, dove la nonna si scioglie in lacrime, Marie ammette: guarda come piange, quella vecchiaccia, io non verserò nemmeno una lacrima per lei.
Yukiko invece ha una visione completa della storia, finalmente comprende come e quanto possano influire le decisioni delle madri sulle figlie e magari anche di come con le migliori intenzioni si facciano i danni peggiori. Andando a visitare Marie, una sera, e paragonando la sua vita con lei con la vita che Marie ha vissuto con la madre le dice: fattene una ragione perché ho intenzione di piangere come una fontana al tuo funerale.
E Marie risponde semplicemente: hi hi.

 

 Considerazioni
Se si potesse riassumere con una sola parola la sensazione che lascia la lettura di un'opera di Yoshinaga Fumi, quella parola sarebbe: gratificante.
I suoi manga sono gratificanti. La Fumi non è il tipo da tirare in ballo personaggi stereotipati o che non conosce profondamente. Ogni suo personaggio ha vita autonoma; è vero quanto il nostro vicino di casa coi suoi pregi e i suoi difetti e difficilmente si contraddice o tradisce la sua natura.
Nel mettere insieme le sue storie corali la Fumi dispone i suoi personaggi come pezzi di un puzzle dividendoli per colori prima di accingersi a mettere insieme il tutto. Mentre li divide ne approfitta per descriverceli e presentarceli come si deve. Come succede sempre nei puzzle, i pezzi non sono solo viola o solo blu, capita che un pezzettino di viola si trovi in un pezzo a prevalenza blu e l'autrice approfitta di questi elementi di contatto usandoli come transizione per passare alla storia successiva e presentarci il seguente caso umano.
Le storie di "All My Darling Daughters" possono essere quindi lette tutte separatamente e il microcosmo avrebbe un suo senso; quando vengono raccolte tutte insieme ecco che il cosmo si espande (facendo vergognare anche il cavaliere dello zodiaco più coriaceo) e ci mostra un universo intero in tutto il suo splendore di astri rilucenti.
Perché usare Yukiko per raccontarci la storia di Marie, descriverci Yukiko presentandoci le sue amiche, usare Marie per analizzare i problemi comportamentali di sua madre, è un modo sagace di mettere al lettore un paio di occhiali che filtrino quel punto di vista, per il momento, per poi provarci che i punti di vista e gli occhiali, a volte, sono limitati, rotti e il mondo è ben più complesso di quel che appare.
La gratificazione finale sta nel fatto che non solo con poesia e leggerezza questa donna riesce a dar vita a uno spaccato quotidiano fuori del comune e tuttavia probabilmente più normale di quanto non pensiamo, ma nel fatto che alla fine sappia sempre tirare le somme e chiudere la cornice riportando il tutto laddove era cominciato.
Come un Haiku, giunti alla fine di "All My Darling Daughters", si potrebbe ricominciare a leggerlo per vederlo ovviamente con gli occhi onniscienti di colui che oramai le verità di questa storie le ha viste tutte perché gli occhiali dei personaggi li ha indossati tutti, i punti di vista li ha analizzati e vissuti sulla pelle uno dopo l'altro e quindi ora ha un'idea di come debba suonare il coro dopo aver ascoltato le singole voci.
La gratificazione sta nel pensare che ah! c'è un motivo per tutto e ah! che modo sottile e divertente di pormelo sempre sotto il naso e non farmelo vedere per poi sbattermelo in faccia alla fine.
Yoshinaga Fumi ha un grandissimo senso dell'umorismo. Le situazioni presentate sono a volte ridicole, se non ridicolizzate, o semplicemente, innocentemente, buffe e casuali come può essere casuale scivolare su una buccia di banana.
In pratica le sue storie sono sagaci, ben costruite, corali, mai contraddittorie e buffe... cosa si può volere di più da un manga?
Per quanto riguarda il disegno, c'è chi tra i più dovrebbe forse necessitare qualche pagina di assestamento per abituarsi allo stile della Fumi. Tuttavia le sue tavole essenziali, composte, nitide, pulite, sono tutt'altro che rigide o inespressive (pur nel loro minimalismo). Il dettaglio non è assente ma è usato sapientemente, gli ambienti diventano teatro, palcoscenico e restano fissi mentre si animano di gag ed eventi sempre in moto. E' per contrasto, tra l'ambiente fisso e la variazione dei comportamenti dei personaggi, che notiamo il moto della storia, lo svolgersi del plot, l'arco dei personaggi.
Il tutto è costruito sempre come una barzelletta con fulmen in clausola nel finale. Il crescendo climatico è spesso anche visivo e poi si rilassa in quell'ultima vignetta che dice proprio proprio tutto e fa sospirare un bel: ah! Che lettura gratificante!
Per farla breve, Yoshinaga Fumi con i suoi due titoli più famosi ("All my Darling Daughters" e "Antique Bakery") non dovrebbe mancare nella libreria di nessun amante dei manga... e non pensiate che le opere minori siano per questo meno meritevoli, anzi.
Qualunque cosa prendiate darà sempre quella sensazione di storia gratificante, che riempie e soddisfa, questo perché la natura di Yoshinaga Fumi pervade anche le sue opere più vecchie. Ma se proprio dovete iniziare da qualche parte iniziate da "All My Darling Daughters" per poi passare senza dubbio alcuno ad "Antique Bakery"... e buona lettura.

 

 Gallery

 

        

 

This page is part of Shoujo Manga Outline |  Online since 29/03/2008, last up 02/01/2011|  Disclaimers |  FAQ