Un marzo da leoni vince il Grand Prize ai Tezuka Cultural Awards
Notizia pubblicata il 25/03/2014 alle 12:15 da Akaiko.

Categoria/e: Varie e curiosità.


Nella giornata di oggi sono stati annunciati i vincitori della diciottesima edizione degli Osamu Tezuka Cultural Prize tramite il quotidiano Asahi Shimbun.
Il manga vincitore del Grand Prize è stato Un marzo da leoni di Chika Umino, seinen pubblicato in Giappone sulle pagine della rivista Young Animal di Hakusensha la cui pubblicazione, ancora in corso, è giunta al nono volume. In Italia il manga è edito da Planet Manga con 8 volumi all'attivo. Un marzo da leoni aveva già vinto in passato la quarta edizione del Manga Taisho Award e il Grand Prix (in coabitazione con Uchuu Kyodai) nella trentacinquesima edizione del Kodansha Manga Award.
Chika Umino vince un premio in denaro pari a 2 milioni di yen (circa 14000 euro) e una statuetta raffigurante Atom (il protagonista di AstroBoy) che riceverà, assieme ai vincitori delle altre categorie, in una cerimonia che si svolgerà il prossimo 30 maggio.
La sua vittoria è stata decretata da un pannello di giurati che comprendeva la mangaka e Rettore della Kyoto Seika University Keiko Takemiya, dello scrittore Atsuko Asano, del grande mangaka Go Nagai, dei professori universitari Shouhei  Shuujou e Jaqueline Brandt, del ricercatore in campo manga Tomoko Yamada, dell'editor Haruyuki Nakano e dell'editorialista Bourbon Kobayashi.


A soli 17 anni Rei Kiriyama è un giocatore professionista di shoji ma, oltre alla sua straordinaria abilità, sembra non possedere altro. Senza famiglia né amici Rei passa da una partita all'altra fino all'incontro con Akari e le sue sorelle che lo tratteranno come um membro della loro scapestrata famiglia e innescheranno il processo di ingresso nel mondo reale del giovane che inizierà finalmente a vivere e non a trascinarsi sopravvivendo tra una sfida e l'altra sulla scacchiera.

Il premio al miglior artista emergente (New Birth Prize) è andato a Machiko Kyou con Mitsuami no Kami Sama, volume unico inedito in Italia raccolta di una serie di one shot pubblicate sulla rivista Jump X (Kai) di Shueisha aventi per protagonista una bambina con le trecce sullo sfondo della tragedia del terremoto e tsunami nel Giappone del 2011.
Il premio per la migliore opera breve (Short Work Prize) se l'è aggiudicato Yuuki Shikawa con il volume unico Onnoji. Quest'opera le cui tavole sono tutte yonkoma (ovvero 4 vignette per pagina) racconta della vita di una ragazzina di nome Miyako che si ritrova a vivere in un mondo in cui tutti gli altri esseri umani sono scomparsi. Mentre vaga da sola per la città si accorge però di non essere realmente sola e decide di chiamare questa presenza Onnoji.


Lo Special Prize è stato invece vinto da Fujiko Fujio A per la serie Ai... Shirisomeshi Koro ni. Seinen pubblicato sulla rivista Big Comic Original Zoukan di casa Shogakukan, 12 volumi in corso. La serie racconta di Michio Maga è un aspirante artista 21enne che ha deciso di scrivere un diario sulla sua avventura come artista emergente che vive all'interno del Torika-So, una residenza di Tokyo che ospita al suo interno solo mangaka. Quando Yukie Konotera, sorella di un suo coinquilino, va a vivere nella stessa residenza Michio si innamora istantaneamente ignorando il fatto che Yukie abbia come unico obiettivo quello di far tornare a casa il suo fratello minore per farlo studiare all'università. Riuscirà Michio a convincere Yukie dell'enorme talento di suo fratello? O si dovrà accontentare di far diventare Yukie la sua musa?
Infine il premio dei lettori (Readers Prize), istituito per la prima volta quest'anno, è stato vinto da Uchuu Kyodai di Chuuya Koyama seinen pubblicato in Giappone sulle pagine della rivista Morning di Kodansha ed edito in Italia da Star Comics e giunto in Giappone al 23esimo volume.  Uchuu Kyodai racconta la vicenda di Mutta e Hibito due fratelli che durante l'infanzia si sono promessi a vicenda che sarebbero diventati astronauti e avrebbero viaggiato nello spazio; una volta cresciuti Hibito ha mantenuto la sua promessa mentre Mutta non potrebbe essere più lontano dall'essere un astronauta finché un giorno la vita di Mutta cambia per sempre.
A ognuno dei mangaka vincitori di queste categorie, nella cerimonia del prossimo 30 maggio, verrà assegnato un premio pari a 1 milione di yen (circa 7000 euro).


Ricordiamo che nel 2013 il Grand Prize è stato assegnato al manga di Yasuhira HaraKingdom (edito in Italia da GP Publishing), il premio per l'artista emergente è stato vinto da Miki Yamamoto con Sunny Sunny Ann! e il premio per l'opera breve è stato vinto da Kikai-jikake no Ai di Yoshiie Gouda.

[Fonte: Anime News Network, comic Natalie]




Sistema Nuntius creato da Andrea Apollonio





This page is part of Shoujo Manga Outline
Questo e' un sito no profit: tutte le immagini sono usate per recensire e promuovere gli shoujo manga in Italia. Tutte le immagini sono © dei rispettivi artisti ed editori.
Prima di riprodurre testi, immagini e html di questo sito e' necessario chiedere il permesso.