SHINOHARA CHIE  篠原千絵

BACK

Anatolia StoryNata il 15 Febbraio di un anno non precisato nella prefettura di Kanagawa, Chie Shinohara ha debuttato nel 1981 con "Akai Densetsu" (La leggenda rosso sangue) per la Shougakukan. Prosegue con la realizzazione di storie brevi, poi raccolte nella serie "Shinohara Chie Kessaku" (formata dai quattro volumi: Houmonsha wa Mayonaka ni; Mokugekisha ni Sayounara; Chie ShinoharaNani ka ga Yami de Mite Iru; Sanninme ga Kieta). Come molte altre sue colleghe, quest'autrice ha scelto nei manga la strada dell'horror (nel suo caso mista al romance), proseguendo in tal senso la via iniziata da Masako Watanabe (storica autrice degli anni '60 che per prima ha introdotto le tematiche horror negli shoujo manga) e seguita da moltissime altre, tra cui Suzue Miuchi. Il pubblico premia da subito la sua scelta: "Yami no purple eye", la sua prima opera di lungo respiro, vince nel 1987 lo Shougakukan Manga Award. Comincia allora lo sfruttamento multimediale delle opere sfornate dalla prolifica Shinohara, che si mostrerà sia ispirata dall'immaginario horror occidentale (la donna-leopardo) che orientale (gli Oni con "Ao no fuuin"). Interessante notare come per la Shinohara l'orrore, inteso come soprannaturale e non, anziché qualcosa di esterno, proviene piuttosto dall'interno: al posto della tradizionale eroina minacciata dal mostro di turno, sono proprio le sue giovani protagoniste a dover fare i conti con il mostro che è in loro. Ma, a differenza di quanto accade secondo certa tendenza narrativa contemporanea (Clive Barker, Anne Rice, Poppy Brite), i protagonisti della Shinohara non abbracciano completamente la loro "doppia" natura e in qualche caso lottano per tornare "normali", il che tiene a debita distanza la Shinohara dal gotico contemporaneo. Kaette Kita MusumeInoltre l'autrice dimostra di non sapersi destreggiare solo con l'horror: le sue storie imboccano spesso la strada del thriller, pregiandosi di un  collaudato uso della suspence. Nel 1995 la Shinohara abbandona le tematiche horror che pure le avevano regalato la celebrità per affrontare invece il romanzo d'ambientazione storica: con "Sora wa akai kawa no hotori", noto anche come Anatolia Story, l'autrice ha portato avanti per sette anni uno dei più famosi e popolari long-seller della Shougakukan. In quest'opera lo stile grafico, semplificato, è tutto al servizio di una narrazione che non lesina forti rappresentazioni (sangue, sesso e violenza), pur rimanendo negli ambiti del target della rivista su cui era serializzato. Parallelamente alla sua attività di fumettista, la Shinohara si è cimentata anche come scrittrice di romanzi horror: a partire dal 1991 ha firmato infatti i sei volumi di "Kaette kita musume" (La figlia che ritorna), sempre per la Shougakukan, ristampati nel 2000. Nel dicembre 2003 è cominciata su Betsu-comi una sua nuova serie, "Mizu ni sumu hana -Romance of Darkness", in cui l'autrice è tornata alle tematiche horror-thriller ma rivestendole di atmosfere più fantasy che dark. Da "Mizu ni sumu hana" è stato tratto anche un film live. Attualmente disegna per Petit Comic la serie "Kiri no Mori Hotel".

Umi no YamiBIBLIOGRAFIA ESSENZIALE
"Neverland" n. 42, Ed. Star Comics, Settembre 1996
"Sailor Moon" n. 20, Ed Star Comics, Gennaio 1997
"Sailor Moon" n. 22, Ed. Star Comics, Marzo 1997.

 

YAMI NO PURPLE EYE ILLUSTRATIONS BOOK
Cover artbookEd. Shougakukan; 1987; 1650 yen; 59 pagine (tutte a colori)
Il volume si apre con una breve storia intitolata "Panthers". In essa è narrata la nascita del protagonista maschile della seconda parte di "Yami no purple eye", ovvero Akatsukiu. La sorella di Mitsugu (il ragazzo capace di trasformarsi in pantera presente nella prima parte della storia) dà alla luce un bambino. Tra lo stupore dei medici, memori di Mitsugu, anche il neonato presenta sulla schiena una macchia: anche lui, inevitabilmente, in futuro sarà capace di trasformarsi in pantera. I medici sono preoccupati in quanto la convivenza tra due esseri capaci di trasformarsi in pantera (Mitsugu e il nipote) potrebbe dar luogo a pericolose reazioni, pertanto invitano Mitsugu a lasciare la casa della famiglia. La madre del bimbo, intanto, vorrebbe che Mitsugu scegliesse il nome da dare al nuovo nato, ma lui nutre ancora dei dubbi sulle potenzialità del neonato e non vuole accettarlo come membro della famiglia. Decide così di metterlo alla prova: lo getterà da un'altura e se veramente anche il neonato è dotato di poteri speciali, non riporterà alcuna ferita. Infatti così accade e finalmente Mitsugu accetta il nuovo nipote battezzandolo Akatsukiu, ovvero "nato all'alba": l'alba che illuminò l'altura della prova.
Le illustrazioni presenti nel libro possono suddividersi in due parti, corrispondenti alle due parti della storia del manga. Nella prima sezione sono presenti undici illustrazioni, di cui una in cui sono presentati tutti i protagonisti e le restanti dieci dedicate alla protagonista femminile, Rinko. La seconda sezione, così come la prima, presenta una tavola con tutti i personaggi e altre quindici dedicate alla figlia di Rinko e Mitsugu (By Giuseppe De Pasquale).

MERCHANDISING
Cover della VHS di Umi no YamiVastissimo il merchandising tratto dalle opere della Shihohara. La classifica la conduce "Sora wa akai kawa no hotori" con ben 6 Drama CD all'attivo più un artbook d'illustrazioni (titolo: "Sora wa akai kawa no hotori fukusei Gengashuu Ishtar", 2.300 yen, Shougakukan), un fan-book, nonché una serie infinita dei più disparati gadget (card, shitajiki, carta da lettere). Segue a ruota "Umi no yami, tsuki no kage" con 3 CD original album ispirati alla trama del manga: due CD sono usciti nel 1991 e s'intitolano "Last Message" e "Memorial" (Pony Canyon), il terzo invece è uscito nel 1989 sotto l'etichetta Toushiba Emi. Sempre a "Umi no Yami" è dedicato un artbook d'illustrazioni ("Umi no Yami Tsuki no kage illustrations", 1980 yen, Shougakukan) e soprattutto i 3 OAV usciti nel 1988-1990, praticamente finora l'unico prodotto animato ispirato alle opere della Shinohara. Ma anche "Yami no Purple Eye" si difende bene: esiste una serie di sei romanzi tratti da esso (scritti da You Nakaike, 1991-2, Shougakukan -clicca qui per vedere una cover); un image clip (image clip: una video che presenta un mix di musiche ed immagini fisse e semi-animate) di 30 minuti è uscito nel 1988 e ovviamente non poteva mancare il book d'illustrazioni, per cui vedi nello specifico il box in questa pagina, a cura di Giuseppe De Pasquale. Chiude la carrellata "Ryouko no shinrei jikenbo", cui nel 1992 è stato dedicato un CD original album che si unisce ai due romanzi ispirati al manga e scritti da Mei Asuka. Per quel che riguarda "Ao no fuuin/Il sigillo azzurro", consulta la sezione a esso dedicata presente in questo sito.

Opere recensite dallo SMO:
Edite in Italia

Il sigillo azzurro
Anatolia Story
Romance of Darkness
Inedite in Italia

Yami no Purple Eye
 
 

BIBLIOGRAFIA: VEDI OPERE

 

 

 




Page online since 01-04-02, last up 30-07-09.


This page is part of Shoujo Manga Outline | Disclaimers | FAQ